spazzolino-morbido

Spazzolino duro o spazzolino morbido?

Il ruolo dei dentisti e degli igienisti dentali, oltre alla cura delle patologie del cavo orale, è quello di prevenire eventuali problematiche della bocca. Come? Anche attraverso l’informazione.

Educare i pazienti, grandi e piccoli, e spiegare loro le corrette abitudini in merito all’igiene orale quotidiana, è importante. Al pari di una seduta di detartrasi o di qualsiasi altro trattamento eseguito sulla poltrona dello studio odontoiatrico. Lo spazzolino è uno dei principali strumenti di igiene orale: ma come scegliere lo spazzolino giusto? Ti sei mai chiesto se sia più efficace quello rigido o quello morbido? Ecco qui una guida.

Come scegliere lo spazzolino

Lo spazzolino è lo strumento atto alla pulizia delle 3 superfici visibili di ciascun dente:

  • Vestibolare, ovvero la superficie dei denti posteriori rivolta verso al guancia.
  • Masticatoria o occlusale, rappresentata dalla superficie che va in contatto con i denti dell’arcata antagonista
  • Linguale e palatale, la superficie dei denti rivolta verso l’interno della bocca, ovvero la lingua e il palato.

La scelta dello spazzolino più adatto è estremamente importante, ma anche soggettiva: non esiste, infatti, uno spazzolino universale che vada bene per tutti. In commercio ormai se ne trovano tantissimi e questo può generare confusione. Tra le caratteristiche da prendere in considerazione nella scelta dello spazzolino troviamo:

  • Grandezza della testina, ovvero la parte all’estremità del manico su cui sono attaccate le setole. In generale, per garantire una corretta pulizia dei denti, dovrebbe essere piuttosto piccola e possibilmente arrotondata per evitare di creare traumi a gengive e mucosa. Una testina piccola, infatti, garantisce una maggiore manovrabilità e l’accesso ai denti (come molari e premolari) più difficili da raggiungere. Inoltre, la testina corta consente uno spazzolamento più preciso e mirato, in quanto le setole si adattano maggiormente alla superficie del dente, massimizzando l’effetto pulente.
  • Morbidezza delle setole, permette di classificare gli spazzolini in morbidi, medi e duri, anche se in realtà in commercio si trovano ulteriori sottocategorie come ultrasoft, supersoft, etc. Le setole dure o medie generalmente sono indicate in assenza di patologie e infiammatori, come per esempio gengivite e ipersensibilità. Richiedono inoltre un’ottima tecnica di spazzolamento e una delicata pressione durante l’utilizzo dello strumento. All’aumentare della durezza delle setole, cresce infatti il rischio di danneggiare e irritare denti e gengive.
  • Manico ergonomico, ovvero l’impugnatura, che deve essere comoda e garantire una presa salda dello spazzolino. Esistono in commercio svariati modelli: “antiscivolo”, lievemente ricurvo per facilitare l’appoggio del pollice o particolarmente grosso per facilitare la presa anche alle persone affette da artrite o da qualche forma di invalidità alle mani. In ogni caso, lo spazzolino deve essere comodo e possibilmente in plastica per garantirne l’impermeabilità e una facile pulizia.

Falsi miti: lo spazzolino duro pulisce meglio rispetto a quello morbido

Oggi, tra i falsi miti dell’igiene orale, uno dei più frequenti riguarda proprio la scelta dello spazzolino da utilizzare per la pulizia della bocca. Nella maggior parte dei pazienti, la convinzione è che uno spazzolino con setole dure sia più efficace rispetto ad uno spazzolino con le setole morbide. Oggi possiamo dire che non è così. Uno spazzolino da denti efficace, manuale o elettrico, necessita di setole possibilmente morbide e delicate e di un’elevata densità delle stesse.

Le setole, ovvero le minuscole fibre che compongono la testina all’estremità del manico, se sono morbide garantiscono una maggiore flessibilità. Infatti, possono raggiungere anche scanalature, fessure e spazi dentali stretti e irregolari. Inoltre, la morbidezza delle setole ne determina l’atraumaticità, non provocando danni a denti e gengive, anche se la tecnica di spazzolamento adottata è errata e la pressione esercitata elevata.

Perché le gengive sanguinano?

Sono molte le persone che, durante la pulizia dei denti, si accorgono della presenza di sangue e interrompono lo spazzolamento o lo velocizzano. (in realtà bisognerebbe dedicare a questa operazione almeno 2 minuti). Eppure, il sanguinamento delle gengive non ha nulla a che fare con lo spazzolino, a meno che lo strumento non venga usato in modo traumatico. Il sanguinamento, se non provocato da un trauma, è sintomo di un’infiammazione gengivale e proprio in questi casi è fondamentale ricorrere a uno spazzolino adeguato. Per esempio, se si soffre di sensibilità dentale o dopo aver subito un intervento come un’estrazione o un’apicectomia per la cura un ascesso o cisti, si consiglia di utilizzare uno spazzolino con le setole morbide fino alla completa guarigione della ferita.

L’importanza dello spazzolamento

Un corretto spazzolamento è fondamentale per mantenere denti e gengive sani. Il biofilm batterico, infatti, ben aderente ai denti, può essere rimosso solo tramite un’azione meccanica di strofinamento. Per la maggior parte delle persone lo spazzolamento dei denti è un’azione inconsapevole, quasi un gesto automatico. In realtà questa azione è la più importante tra i fattori di prevenzione delle patologie del cavo orale. Ecco perché stanno aumentano gli studi dentistici e le farmacie che, con il supporto di dentisti o igienisti dentali, organizzano corsi sulle corrette tecniche di spazzolamento e di utilizzo degli strumenti di igiene orale meccanica: spazzolino, scovolino e filo interdentale. Durante l’igiene orale domiciliare bisognerebbe spazzolare la superficie interna, esterna e masticatoria dei denti con uno spazzolino e un dentifricio al fluoro adeguato almeno due volte al giorno per almeno due minuti.

Quale tecnica di spazzolamento adottare?

Esistono molte tecniche per pulire i denti, ma una prima regola molto semplice e pratica è di iniziare dai punti più difficili per poi passare a quelli facili. In molti iniziano a spazzolare la parte anteriore dei denti dimenticando spesso la superficie linguale e palatale, ovvero l’interno dei denti e i molari posteriori. Queste aree, proprio perché più nascoste, sono anche quelle più soggette a carie. Pertanto, il suggerimento è di iniziare dalla parte posteriore della bocca e spostarsi dente per dente, fino a completare tutte le superfici dei denti di entrambe le arcate, inferiori e superiori.

Alcuni professionisti consigliano poi di impugnare lo spazzolino come se fosse una penna. Questa tecnica assicura una pressione non troppo forte su denti e gengive e, anche se strana, è efficace.

Poiché i batteri e la placca di solito si nascondono nel bordo gengivale, ovvero la parte del dente a contatto con la gengiva, il suggerimento degli esperti è di mantenere la testina leggermente inclinata verso il margine della gengiva, formando un angolo di 45°. Durante lo spazzolamento, lo spazzolino deve muoversi formando dei piccoli cerchi, mantenendo sempre metà della superficie delle setole sulle gengive e l’altra metà sui denti. 

Il parere del dentista

Se abbiamo dei dubbi sulla scelta dello spazzolino o sulla tecnica corretta di spazzolamento, ancora una volta possiamo affidarci ai consigli del nostro dentista o igienista dentale di fiducia. Infatti, partendo dalle nostre abitudini e necessità, e valutando lo stato di salute di denti e gengive, ci consiglierà lo strumento e la metodologia adeguata. Rimarremo stupiti di quanta differenza può fare la scelta consapevole di uno strumento fondamentale come lo spazzolino nella nostra routine di igiene orale quotidiana!

Scopri Gengive.org

Il portale web della SIdP – Società italiana di Parodontologia e implantologia, in cui trovare informazioni semplici, complete e autorevoli sui problemi di denti e gengive.

Pubblicato da

SIdP - Società Italiana di Parodontologia e Implantologia

Segui le indicazioni della Società Italiana di Parodontologia e Implantologia per la prevenzione della tua salute orale!